||Home»Eventi»Concerti
 
Padova, 20 giugno 2008

Cantare San Francesco  sul sagrato della cattedrale di S. Antonio da Padova... come ha giustamente evidenziato il frate che ha introdotto la lauda di questa sera, senza San Francesco non ci sarebbe stato Sant'Antonio, il quale è rimasto talmente affascinato dalla vita e dalle opere del santo di Assisi  da abbandonare la sua congregazione di appartenenza per farsi francescano. Questa di Padova è una delle più belle ambientazioni per la Lauda di Francesco (se si escludono quelle ad Assisi a cui purtroppo non ho assistito), nell'ambito del "giugno antoniano" che il Comune di Padova dedica al suo santo patrono che ha reso celebre in tutto il mondo il nome della città. Questa volta ho avuto la fortuna di assistere anche alle prove, nel tardo pomeriggio sulla piazza. Folto pubblico anche in questa occasione e spesso sono scrosciati gli applausi tanto che Angelo ha concluso con un: "il sound check ha dato esito positivo... ed è stato un successo". Saluti e baci e bevute ristoratrici di fresche acque ... minerali nello spazio messo a disposizione di Angelo che poi ci lascia per andare a salutare l'Abate. Con me c'era una collega di inglese che, gli ho detto, potrebbe, sotto la cattiva influenza della sottoscritta, pensare di infliggere "Highdown fair" agli studenti delle superiori ampliando così il target con  ragazzi che già sono passati a Marilyn Manson...

Col favore delle tenebre, verso le 21,30, il concerto ha inizio. Lo scenario è reso ancora più suggestivo dall'oscurità che fa risaltare i giochi di luce sulla facciata della cattedrale, strappando ad Angelo un: "guardate che bello!" Questa volta non ha avuto bisogno di dire: "sto qui anche tutta la notte" ... il pubblico lo ha quasi preceduto nel cantare non appena riconosciute, dopo lo splendido assolo di violino, le note della fiera dell'est. Seguono poi "Cogli la prima mela", "La pulce d'acqua", "Vanità di vanità" e "Ballo in fa diesis". Richiamato da un'interminabile standing ovation, Angelo torna e con "Stella matutina" si congeda dal pubblico e da questa magnifica città.

Antonella Grioni

 

le foto del concerto